Nomi alterati: studiamoli insieme

Quali sono questi nomi? I nomi alterati sono i nomi formati dalla radice del nome primitivo + un suffisso in grado di modificarne leggermente il significato in senso “accrescitivo”, “diminutivo”, “vezzeggiativo”, “dispregiativo”.

Accrescitivo

Accrescitivo = quando i nomi accrescono dunque quando i suffissi aumentano la grandezza del nome.Si usa il suffisso : one ( per i nomi maschili) / ona (per i nomi femminili).

Esempi:

  • Barca – barcone
  • Bella – bellona
  • Bene – benone
  • Buono – bonaccione
  • Casa – casona
  • Donna – donnona
  • Furbo – furbacchione
  • Grasso – grassone
  • Libro – librone, borsone.
  • Pigro – pigrone
  • Sudicio – sudicione
  • Testa – testona

Diminutivo

Diminutivo = quando conferiscono l’idea di piccolezza.Si usano diversi suffissi: ino, -etto, -icello, -icino,  -ello, -icciolo.

Esempi:

  • Bacio – bacino
  • Borsa – borsina
  • Casa – casina
  • Gatto – gattino 
  • Libro – libricino
  • Mano – manina
  • Piatto – piattino
  • Porto – porticciolo
  • Ponte – ponticello
  • Scatola – scatolina
  • Stella – stellina
  • Tappeto – tappetino
  • Uccello – uccellino

Vezzeggiativo

Vezzeggiativo = per nominare qualcosa di carino, che fa tenerezza o genera simpatia. Si usano i suffissi:  uccio, -etto, -uzzo, -ettino.

Esempi:

  • Via – viuzza
  • Bocca – boccuccia
  • Canzone – canzoncina
  • Naso – nasetto
  • Orso – orsacchiotto

Dispregiativo

Dispregiativi =quando danno l’idea di disprezzo, antipatia, insomma un giudizio negativo. Si usano i suffissi: -accio, -astro,-ucolo; -accione, -ercolo, -onzolo, -iciattolo.

Esempi:

  • Ragazzo – Ragazzaccio
  • Mostro – mostriciattolo
  • Nipote – nipotastra

 

Nomi: